Altenburg vista su Bamberg

No, non è quello di San Vigilio… ma Altenburg, il castello medievale posto sulla collina sul lato occidentale della città indipendente di Bamberga nell’Alta Franconia, in Baviera. La sua torre arriva a circa 400 metri sul livello del mare (S.Vigilio è a 470 m) e offre una magnifica vista della città.
Altenburg è stata citata la prima volta in un documento nel 1109 con il vescovo Ottone di Bamberga, che nel 1124 vi inaugurò la Burgkapelle in onore di San Walburga, Filippo e Jacobus.
AltenburgIl castello è stato, dal 1305 al 1553, la seconda residenza dei principi vescovi di Bamberg. Le sue proporzioni attuali derivano però da lavori di sistemazione effettuati agli inizi del XV° secolo. Fu varie volte assediata ma, nonostante gravi danneggiamenti, non fu mai presa dagli assedianti. La Cappella andò distrutta durante il saccheggio da parte del margravio Alberto Alcibiade di Brandeburgo nel 1553 e da allora la fortificazione iniziò una lenta decadenza.
Nel 1801 il castello con le fortificazioni, precedentemente del Vescovado di Bamberga , fu venduto ad Adalbert Friedrich Marcus, medico bamberghese, che allestì il corpo di guardia come un appartamento per l’amico ETA Hoffmann .
Nel XVIII° secolo, una frana disastrosa interessò delle parti della parete est che furono però poi ricostruite; infatti Anton von Grafenstein aveva già avviato nel 1818 la costituzione della Associazione per la salvaguardia di Altenburg, la prima associazione di conservazione in Baviera.
Altenburg - AdalbertoAttualmente vi funziona un ristorante dopo l’acquisizione da parte del club Altenburg. I locali si trovano nella parte della portineria mentre la cucina, attiva dal 1834, è stata ricostruita e ampliata in una stanza con volta ad archi trasversali della cappella. Il proprietario del ristorante gestisce anche la cosiddetta “Sala del Cavaliere” con alloggi in occasione di eventi di festa come matrimoni o anniversari.

Un’ultima cosa…. anche a Bamberga, in questo caso dal baluardo est, un bel leone in arenaria osserva la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *